Mostra Picasso Milano 2018: “Metamorfosi” a Palazzo Reale

Dal 18 Ottobre 2018 sino al 17 Febbraio 2019 potrete visitare la Mostra Picasso Metamorfosi presso Palazzo Reale a Piazza del Duomo. Non perdere la Mostra Picasso Milano 2018, una esposizione unica  dedicata al rapporto multiforme e fecondo che il genio spagnolo ha sviluppato, per tutta la sua straordinaria carriera, con il mito e l’antichità. Si propone di esplorare da questa particolare prospettiva il suo intenso e complesso processo creativo.

Ricchezza della Mostra Picasso Milano 2018

Una mostra vastissima con oltre 350 opere dell’artista spagnolo, presentando una straordinaria panoramica di opere. Andando a sottolineare come il suo linguaggio estremamente innovativo abbia in realtà solide basi poggiate sul legame culturale ed iconografico con il mondo classico. La mostra Picasso Metamorfosi esplora questo legame tra i due estremi – l’arte di  Picasso e il mondo classico – apparentemente lontani eppure vicinissimi, attraverso i capolavori del Museo Picasso di Parigi messi in relazione con opere che guardano ai canoni della bellezza classica.

 

La vita di Picasso

Pablo Picasso nacque a Malaga, in Spagna e venne avviato precocemente all’apprendistato artistico. A soli quattordici anni venne ammesso all’Accademia di Belle Arti di Barcellona. Due anni dopo si trasferì all’Accademia di Madrid. Dopo un ritorno a Barcellona, effettuò il suo primo viaggio a Parigi nel 1900. Vi ritornò più volte, fino a stabilirvisi definitivamente.

Dal 1901 lo stile di Picasso iniziò a mostrare dei tratti originali. Ebbe inizio il cosiddetto «periodo blu» che si protrasse fino al 1904. Il nome a questo periodo deriva dal fatto che Picasso usava dipingere in maniera monocromatica, utilizzando prevalentemente il blu in tutte le tonalità e sfumature possibili. I soggetti erano soprattutto poveri ed emarginati. Picasso li ritraeva preferibilmente a figura intera, in posizioni isolate e con aria mesta e triste.

Dal 1905 alla fine del 1906, Picasso schiarì la sua tavolozza, utilizzando le gradazioni del rosa che risultano più calde rispetto al blu. Iniziò quello che, infatti, viene definito il «periodo rosa». Oltre a cambiare il colore nei quadri di questo periodo cambiarono anche i soggetti. Ad essere raffigurati sono personaggi presi dal circo, saltimbanchi e maschere della commedia dell’arte, quali Arlecchino.

Il periodo cubista

La svolta cubista avvenne tra il 1906 e il 1907. Nello stesso periodo, come molti altri artisti del tempo, anche Picasso si interessò alla scultura africana, sulla scorta di quella riscoperta quell’esotico primitivo che aveva suggestionato molta cultura artistica europea da Gauguin in poi. Da questi incontri, e dalla volontà di continua sperimentazione che ha sempre caratterizzato l’indole del pittore, nacque nel 1907 il quadro «Les demoiselles de Avignon» che segnò l’avvio della stagione cubista di Picasso.

La fase cubista fu un periodo di grande sperimentazione, in cui Picasso rimise in discussione il concetto stesso di rappresentazione artistica. Il passaggio dal cubismo analitico al cubismo sintetico rappresentò un momento fondamentale della sua evoluzione artistica. Il pittore appariva sempre più interessato alla semplificazione della forma, per giungere al segno puro che contenesse in sé la struttura della cosa e la sua riconoscibilità concettuale.

La fase cubista di Picasso durò circa dieci anni. Nel 1917, anche a seguito di un suo viaggio in Italia, vi fu una inversione totale nel suo stile. Abbandonò la sperimentazione per passare ad una pittura più tradizionale. Le figure divennero solide e quasi monumentali. Questo suo ritorno alla figuratività anticipò di qualche anno un analogo fenomeno che, dalla metà degli anni ’20 in poi, si diffuse in tutta Europa segnando la fine delle Avanguardie Storiche.

L’ultimo periodo

Ma la vitalità di Picasso non si arrestò lì. La sua capacità di sperimentazione continua lo portarono ad avvicinarsi ai linguaggi dell’espressionismo e del surrealismo, specie nella scultura, che in questo periodo lo vide particolarmente impegnato. Nel 1937 partecipò all’Esposizione Mondiale di Parigi, esponendo nel Padiglione della Spagna il quadro «Guernica» che rimane probabilmente la sua opera più celebre ed una delle più simboliche di tutto il Novecento. Picasso è morto nel 1973 all’età di novantadue anni.

La Mostra Picasso Metamorfosi.

Promossa e prodotta da Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale e MondoMostreSkira, la mostra è curata da Pascale Picard, direttrice dei Musei civici di Avignone. Il progetto, tappa milanese della grande rassegna europea triennale Picasso-Méditerranée, promossa dal Musée Picasso di Parigi con altre istituzioni internazionali, presenta circa 200 opere tra lavori di Picasso e opere d’arte antica cui il grande maestro si è ispirato, provenienti dal Musée National Picasso di Parigi e da altri importanti musei europei come, tra gli altri, il Musée du Louvre di Parigi, i Musei Vaticani di Roma, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Musée Picasso di Antibes, il Musée des Beaux-Arts di Lione, il Centre Pompidou di Parigi, il Musée de l’Orangerie di Parigi, il Museu Picasso di Barcellona.

Il progetto si innesta in un percorso di approfondimento sul grande artista intrapreso da Palazzo Reale nei decenni, un vero e proprio ciclo di mostre su Picasso che ha reso speciale il rapporto tra il maestro spagnolo e Milano.

La Mostra Picasso Milano 2018 in dettaglio

Prima fra tutte l’esposizione di Guernica nella Sala delle Cariatidi nel 1953, un avvenimento eccezionale e un autentico regalo che Picasso fece alla città; seguì, a distanza di quasi mezzo secolo, una grande antologica nel settembre 2001, quattro giorni dopo gli attentati alle Twin Towers, organizzata con la collaborazione degli eredi dell’artista; infine la rassegna monografica del 2012, che documentò in un grande excursus cronologico la varietà di tecniche e mezzi espressivi che caratterizzarono la produzione dell’artista spagnolo.

Con Picasso Metamorfosi invece sarà l’antichità nelle sue diverse forme a declinarsi nelle mitologie reinventate da Picasso e presentate in sei sezioni con le opere del grande artista accostate a quelle di arte antica – ceramiche, vasi, statue, placche votive, rilievi, idoli, stele – che lo hanno ispirato e profondamente influenzato. Mostra Picasso Milano 2018 a Palazzo Reale.

La mostra Picasso Metamorfosi propone dunque di penetrare nel laboratorio intimo di un artista mondiale alla luce delle fonti antiche che ne hanno ispirato l’opera, ma anche di svelare i meccanismi di una singolare alchimia che pone l’Antichità al cuore di un modernità determinante per l’arte del XX secolo.

Orari

  • Martedì – Mercoledì – Venerdì – Domenica: 9.30 – 19.30
  • Lunedì: 9.00 – 14.00 – Scuole
  • Lunedì: 14.30 – 19.30
  • Giovedì e Sabato: 9.30 – 22.30

ultimo ingresso un’ora prima della chiusura

Sede

Milano, Palazzo Reale
Piazza del Duomo, 12, 10122 – Milano

Biglietti

  • Intero: 14,00€ 
    Tutti gli individuali
  • Ridotto: 12,00€ 
    Visitatori dai 18 ai 25 anni, portatori di handicap, militari, forze dell’ordine non in servizio, insegnanti, Club Skira
  • Ridotto famiglia adulto: 12,00€ 
    Valido per famiglie composte da 1 o 2 adulti + bambini dai 6 ai 17 anni
  • Ridotto famiglia bambino: 6,00€
  • Gruppi Adulti: 12,00€ 
    Dal lunedì alla domenica. Minimo 15 massimo 25 (tolleranza fino a 29)
  • Gruppi scuole: 6,00€ 
    Dal lunedì alla domenica. Minimo 15 massimo 25 (tolleranza fino a 29), scuole di ogni ordine e grado
  • Gruppi + Caravaggio22,00€
  • Scuole + Caravaggio12,00€ 
    valido per qualsiasi giorno della settimana e qualsiasi orario
  • Gratuito: 0,00€
    minori di 6 anni, guide turistiche abilitate con tesserino di riconoscimento, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per ogni gruppo scolastico, un accompagnatore per disabile che presenti necessità, giornalisti accreditati dall’Ufficio Stampa della Mostra, guide turistiche (previa esibizione di tesserino di abilitazione professionale)
  • Prevendita: 2,00€

Dettagli

Maggiori informazioni sulla mostra sul sito milanotoday.it

o sul sito ufficiale www.mostrapicassomilano.it

Viaggio in bus… Qualche idea?

Avellino-Milano – Roma-Milano – Fidenza-Milano

o scopri altre destinazioni.